sabato 29 agosto 2015

TRUCCARSI CON JUST COSMETICS DEUTCHLAND





Se c' e' una cosa di cui noi donne non ne abbiamo mai abbastanza, o almeno io, e' tutto quello che ruota intorno al mondo del make-up. Immaginate la mia gioia quando ho ricevuto questa elegante pochette nera, ricca di prodotti nuovi, nuovi per me.

Just Cosmetics e' un brand alla moda, che tratta solo prodotti di qualita', in linea con le tendenze del momento e dalle texture innovative. Una collezione ricca di prodotti per occhi, labbra, viso e nail-art, con un buon rapporto qualita'/prezzo. Il packaging e' essenziale, ma estremamente elegante. Ogni tre mesi esce una Limited Edition per presentare le ultime novita' in fatto di tendenze.




Il rossetto e' favoloso, nello specifico ho provato MATT FINISH LIPSTICK n.030 quickstep, un bellissimo color rosso. Un rossetto estremamente confortevole, ricco di oli che nutrono e non seccano le labbra. Cremosissimo come piace a me, altamente pigmentato e dalla durata davvero notevole. Resiste bene anche dopo parecchie ore e anche dopo averci mangiato. Lo adoro e non ci ho trovato nessuna pecca!




RUBY RED LIQUID LIPSTICK n.060 red velvet cake, e' un rossetto liquido altamente pigmentato, contiene burro di cacao che nutre le nostre labbra. Il pennellino consente un' applicazione senza sbavature, la brillantezza e' estrema, non appiccica le labbra e viene definito a lunga durata, anche se devo ammettere che dopo averci mangiato non rimane granche'... pero' c' e' da dire che non sbava.





Per gli smalti ho avuto modo di provare la varieta' GUMmies, uno smalto opaco con finitura in lattice, disponibile in 8 colori sorbetto, il mio color giallo. Per un risultato ottimale dovete fare due applicazioni e lasciarle asciugare bene, da usare senza top coat. L' altra varieta' di smalto, COLORazzi, e' ad asciugatura rapida, disponibile in 29 colori di tendenza, perfetto gia' con una sola passata e dal finish lucido. Mi spiace che le mie unghie irrimediabilmente corte, non facciano risaltare la bellezza di questi smalti, lo smalto giallo poi, e' favoloso sulla pelle abbronzata.




DELICATE EYE COLOR n.060 hope&glory, un viola molto intenso, un ombretto altamente pigmentato, dal colore pieno, disponibile in 18 tonalita' a lunga durata, sia dal finish perlato che matt come il mio.Tutti gli ombretti Just Cosmetics hanno il primer incorporato che ne garantiscono resistenza.

SILK&SATIN EYE COLOR n.060 forbidden land, un verde smeraldo spettacolare, con primer incorporato, colore ricco ed intenso.Offre una satinatura eccezionale e riflessi unici. Provatelo ad applicarlo bagnato, e' ancora piu' bello!




Ringrazio Just Cosmetics per la gentile disponibilita' nei miei confronti, io vi invito a visitare il loro sito dove troverete l' intera collezione di prodotti e a seguirli sulla pagina facebook per essere sempre aggiornati sulle novita'.

giovedì 27 agosto 2015

CROCCHETTE DI PATATE GRAN GOURMET CON RIPIENO DI FUNGHI E MAZZANCOLLE





Per chi non lo sapesse, insieme ai funghi freschi, i funghi secchi sono quelli che presentano le migliori caratteristiche nutrizionali. In casa mia non mancano mai alcune confezioni di funghi secchi, sempre disponibili in dispensa per quando ne viene voglia. I funghi hanno pochissime calorie, sono una buona fonte di sali minerali, di vitamina B e di sostanze antiossidanti. Sul piano della salute quindi, aiutano a mantenere un buon funzionamento del sistema immunitario, a contrastare malattie cardiovascolari e a limitare il colesterolo cattivo nelle arterie.

In cucina mi affido solo alla qualita' dei prodotti dell' azienda Bruschi Borgotaro, che dal lontano 1890 e' oggi leader a livello nazionale e non solo, della lavorazione e produzione del fungo porcino secco e sott' olio. Per la realizzazione della ricetta di oggi, ho utilizzato i Funghi Porcini Secchi Extra della Linea Classica, un profumo che non vi dico...Seguitemi nella ricetta.

CROCCHETTE DI PATATE GRAN GOURMET CON RIPIENO DI FUNGHI E MAZZANCOLLE
Ingredienti:
400 g patate
100 g mazzancolle
20 g Funghi Porcini Secchi Extra Bruschi Borgotaro
25 g burro
2 uova
grana padano grattugiato q.b.
1 scalogno
1 spicchio di aglio
un mazzetto di prezzemolo
sale e pepe
pangrattato q.b
brandy
olio di arachide




Preparazione: mettere a lessare in abbondante acqua bollente salata le patate. Quando sono cotte, sbucciarle e schiacciarle bene con una forchetta. Farle raffreddare. Nel frattempo mettere i funghi secchi in ammollo per una mezzoretta. Poi scolarli e sciacquarli bene per togliere eventuali residui di terriccio. Tritare lo scalogno con l' aglio e il prezzemolo. Sgusciare e pulire le mazzancolle, togliendo il filamento nero. Tritare i funghi e le mazzancolle. In una padella antiaderente, rosolare nel burro il trito di scalogno, aglio e prezzemolo, unire quindi i funghi e le mazzancolle e lasciare saltare a fuoco vivace per 5 minuti. Irrorare con il brandy, salare e pepare. Cuocere per 10 minuti, fino ad asciugare l' intingolo. In una terrina, unire alle patate schiacciate un uovo ed una spolverata abbondante di grana. Se il composto risulta molliccio, aggiungere qualche cucchiaiata di pangrattato. Formare ora delle crocchette grosse come delle albicocche e al centro inserire il ripieno di funghi e mazzancolle, richiudendo bene. Sbattere in una ciotola il rimanente uovo, passare le crocchette prima nell' uovo e poi nel pangrattato. Friggere in abbondante olio di arachide caldo, fino a doratura. Sgocciolare su carta assorbente. Servite due crocchette alla volta infilzate in uno stecco di legno. Accompagnate ad insalata mista.





Vi invito a seguirli anche sulla loro pagina facebook, dove troverete ricette e preziose informazioni.

mercoledì 26 agosto 2015

PORTO AZZURRO, ALLA SCOPERTA DI QUESTA PICCOLA PERLA DELL' ISOLA D' ELBA.




Chi mi conosce bene, lo sa. E' oramai il quinto anno consecutivo che scegliamo Porto Azzurro come meta delle nostre vacanze. Me ne sono innamorata esattamente la prima volta, quando sotto consiglio della pediatra, per i problemi di salute di mio figlio allora treenne legati alle adenoidi, ci era stata consigliata qualche settimana di mare. La scelta e' ricaduta subito sull' isola d' Elba perche' ne avevamo sentito parlare sempre bene ed avevamo voglia di vedere con i nostri occhi e perche' era quella che piu' assomigliava per mare alla Sardegna, altra regione in cui ci abbiamo lasciato il cuore.

Ma perche' proprio Porto Azzurro? Perche' e' il centro dell' isola, perche' a Porto Azzurro si puo' tranquillamente decidere di abbandonare l' auto, cosa che noi puntualmente facciamo, dal momento che si ha a portata di mano tutto quello che occorre. Il paesino e' un delizioso borgo di pescatori, bagnato dalle acque profonde del canale di Piombino, si affaccia nell' insenatura naturale del Golfo della Mola, in una baia protetta. La piazzetta e' ampia e si trova di fronte al porticciolo dove fanno bella mostra di se' un sacco di imbarcazioni e yacht da sogno. Stretti vicoli e viuzze intricate del centro storico, rendono il paesaggio molto suggestivo, in questo groviglio di stradine si trovano locali deliziosi dove mangiare, negozietti di tutti i tipi, mentre come supermercati troviamo Conad e Coop che permettono di fare spesa senza lasciarci il portafoglio. Le spiagge sono misto ghiaia-sabbia, la piu' famosa e' La Pianotta, esposta ai venti orientali, con acqua limpida e fondali perfetti per appassionati di snorkeling. Pesci a volonta', anche in acque basse attorno agli scogli, basta munirsi di maschera e boccaglio, per godere di esemplari notevoli, questo anno abbiamo avuto anche la fortuna di vedere delle stelle marine.





Per chi ne ha il desiderio, ci sono imbarcazioni che fanno fare il giro della costa con bagno al largo, oppure si puo' raggiungere l' isola del Giglio per delle gite in giornata. Oppure un' ottima soluzione e' affittare un motoscafo e godersi un po' di pace e tranquillita' in una delle tante calette raggiungibili via mare. Amo gli abitanti di Porto Azzurro, educati e discreti, ci sanno fare con i turisti. Quando in un locale non trovate troppa cortesia, state pur certi che il personale non e' elbano! Questo anno un piccolo appunto solo sui bar. Ho avuto difficolta' a fare colazione la mattina, specialmente i bar accanto alla spiaggia, aprivano alle 9 con disponibilita' di cornetti solo una mezzora dopo e per chi, come noi, e' abituato ad uscire di casa presto, trovare un bar e' stata una vera peripezia... per carita', in piazzetta c' erano ma... mi sapete dire perche' al Caffe' Roma, seduta comodamente al tavolino, il primo giorno abbiamo speso 8€ ed il secondo giorno, per la stessa identica ordinazione 11€? Ovviamente il bar e' stato debitamente cancellato, non sopporto queste cose, i prezzi devono essere fissi e non variare in base alla luna di chi ti fa lo scontrino!




Il clima e' mediterraneo, anche in giornate particolarmente calde, verso la spiaggia si gode sempre di un bel venticello. Per mangiare c' e' solo l' imbarazzo della scelta e prezzi per tutte le tasche, sento tanti dire che 
l' isola d' Elba e' cara, ma io non lo credo, basta solo conoscere i posti giusti. Cosi come ovunque. Noi per pranzare/cenare, andiamo spesso da Pegaso, un grazioso locale con veranda proprio davanti al porticciolo, dove puoi scegliere se mangiare la pizza o menu' a base di pesce. Le proposte sono varie e i piatti ben curati. 





Per chi poi vuole non solo godersi il mare e la spiaggia, c' e' anche la possibilita' di fare delle belle passeggiate, per esempio salire alla fortezza spagnola di Longone che sovrasta Porto Azzurro, chiamata anche fortezza San Giacomo e risalente al XVII secolo e poi diventata carcere di massima sicurezza. Mi fa sorridere sentire spesso turisti che arrivati in cima alla fortezza, trovandola chiusa, iniziano a borbottare che come al solito siamo in Italia e le bellezze culturali rimangono chiuse... la maggior parte ignora che sia un carcere. Nel sentiero che circonda il carcere e da cui si domina una vista mozzafiato sul mare e su Porto Azzurro, c' e' una piccola colonia di gatti randagi che vengono accuditi direttamente dai carcerati. I carcerati escono infatti per lavorare o per ore libere premio e spesso li si incontra sulla panchina li accanto a coccolarsi i loro gatti adottivi, a cui hanno creato anche delle casette per ripararsi dal sole o nei mesi piu' freddi.





L' isola d' Elba e' ideale per chi cerca paesaggi incantevoli, mare cristallino e soprattutto senza troppo turismo di massa, anche se questo anno ho visto molta piu' gente delle estati scorse. Io il prossimo anno saro' sicuramente a Porto Azzurro e voi? Fateci un pensierino, sono sicura che una volta visitata l' Elba, non la abbandonerete piu'.

martedì 11 agosto 2015

EXPO MILANO 2015, DOVE MANGIARE SENZA LASCIARCI IL PORTAFOGLIO





Prima di mandare in pausa il blog per le mie meritate ferie, volevo lasciarvi un post diverso dal solito, dove vi parlo della mia esperienza all' Expo e vi lascio qualche immagine e consiglio. Magari qualcuno di voi, approffittando delle vacanze, decidera' di concedersi una giornata diversa.

Premetto che io sono pro-Expo, e' un vizio degli italiani, parlare male di tutto quello che viene fatto dall' Italia, ma l' Expo e' un opera di straordinaria grandezza, che ci sta portando un sacco di prestigio all' estero e che gia' un sacco di turisti stranieri hanno visitato. Volete che io, italiana, abitando vicina a Milano, mi perdessi un evento simile? No! Infatti mi sono gia' concessa diverse serate all' Expo, l' ingresso serale dopo le 19, grazie al costo di soli 5€, sta riscuotendo un grosso successo e anche se i padiglioni chiudono alle 21, tranne qualcuno che eccezionalmente protrae l' orario ben oltre, si riesce a visitare parecchio e poi, diciamocelo, e' un modo diverso per passare una serata, mangiando o bevendo presso gli stand gastronomici dei vari paesi del mondo. Lo spettacolo di luci e musica dell' albero della vita, poi, solo quello vale la visita.




Vi informo che se raggiungete l' Expo in auto, decidendo di lasciare la vostra vettura in uno dei tanti parcheggi disponibili ( e quelli piu' lontani hanno servizio di navetta gratuito ) al costo giornaliero di 16,50€ e pagando il ticket subito al vostro arrivo, anziche' alla vostra uscita, avrete diritto ad un ingresso serale gratuito da ritirare presso la biglietteria principale. Non male, no? Io ne ho sempre usufruito. Questa iniziativa e' valida solo nel weekend. Mettetevi scarpe comode, ve lo consiglio a gran voce, nonostante io sia una sostenitrice del tacco 12 sempre e comunque, qua ho dovuto cedere e fare affidamento su un paio di scarpe con zeppa, dal momento che attraversare dall' inizio alla fine l' Expo penso che siano circa 2 km e mezzo, senza tenere conto delle stradine laterali, quindi c' e' da camminare.

In un sacco di punti potete trovare le colonnine gratuite erogatrici di acqua fresca minerale frizzante o naturale, quindi portatevi dietro una bottiglietta vuota di acqua. Alcuni padiglioni hanno file pazzesche per entrare, in altri entri senza problemi, io essendoci gia' andata varie volte, ho avuto la fortuna di visitare diversi padiglioni, certi mi hanno colpito tanto, altri un po' meno, ma penso che questo sia soggettivo. Quello che piu' di tutto mi piace dell' Expo, e' la sua maestosita' esterna, indescrivibile per chi non c' e' ancora stato. Li dentro sei nel mondo e circondato dal mondo!!!




E veniamo ora a come mangiare senza lasciarci il portafogli... vi assicuro che, girare per l' Expo, mette un grande appetito, vuoi per il gran camminare, vuoi per quel mix irresistibile di profumi e di gente che ovunque mangia. Ci sono soluzioni per tutte le esigenze, gusti e tasche... bisogna solo girare un po'. Io la mia fregatura l' ho presa al padiglione Messico, una gran fila e poi un vassoietto con 6 mini tacos, ma talmente mini che a malapena bastavano per una persona, abbiamo speso 20€... io i tacos me li immaginavo un po' piu' grandi!
Ecco alcune proposte valide ed interessanti:
- padiglione Olanda hamburger accompagnato da birra bionda 12€
- padiglione Indonesia quattro diverse specialita' 10€ cadauna
- padiglione Marocco tajine di pollo 10€
- padiglione Colombia empanadas 6€
- padiglione Usa hamburger 8€
- padiglione Argentina panino con asado 6€ e con 20€ potete scegliere la parillada mixta ( con vitello,
  scamone, salsiccia, patate e verdute ), ma una porzione talmente abbondante che ci si puo' mangiare
  tranquillamente in due.
- padiglione Oman panino di kebab d' anatra, o spezzatino di pollo in salsa masala, o cono di verdure
  pastellate con patate e spiedino di carne, prezzi da 6 ad 8€
- padiglione Laos spiedino di salsiccia con zucchine e riso 8€
- padiglione Turchia parmak kebap con cubetti di carne di manzo e melanzane 8€
- padiglione Israele majadera con kebab di pesce e salsa allo yogurt 10€, hummus con ceci e pita 5€ o
  insalate israeliane 7€
- chiosco Davide Oldani, lo chef ambassador dell' esposizione, propone assaggi salati per 8€, oppure il
  classico risotto alla milanese, o il piu' sfizioso al panettone per 10€
- pizzeria bolognese Alce Nero Berbere', dietro al padiglione dell' Oman, troverete ottime pizze realizzate
  con ingredienti di qualita' a 7€
- padiglione Regno Unito fish and chips 8€




Gettonatissimi i cibi da strada che si trovano un po' ovunque, sia perche' piu' economici, ma anche perche' spesso super invitanti. Accanto al padiglione francese si possono gustare croissant e baguette farcite con ogni ben di Dio. Prezzi interessanti anche al padiglione Svizzera e al padiglione Germania.Vi consiglio infatti di evitare i ristoranti allestiti all' interno dei padiglioni, ma di scegliere i numerosi angoli ristoro o tavole calde allestiti accanto. Se non vi piace mangiare in piedi come me, non preoccupatevi, ovunque troverete tavolini e sedie dove trasportare i vostri cartocci di cibo e mangiare comodamente seduti.Allo stand Vino Italiano con 10€ potrete degustare tre vini, al padiglione Bielorussia uno sfizioso gelato alla wodka costa 3€. Se volete risparmiare al Future Food District, un supermercato del futuro gestito da Coop, potete fare acquisti drink e food a prezzi mini, ma non accettano contanti e si usa solo il bancomat. Nella piazza antistante, negli stand offrono calici di vino a 3€ e il bicchiere e' in regalo.




Anche se poco, l' Expo offre anche qualche cosa di gratuito. Al padiglione Coca Coca, regalano bottigliette. Accanto al padiglione della Francia, negli stand offrono assaggi di formaggi, al padiglione Kazakistan si puo' assaggiare il latte di giumenta, non chiedetemi di cosa sappia, non ho osato, per chi lo ha assaggiato, e' un latte che si ama o si odia, non ci sono mezze misure. Al padiglione Turchia offrono assaggi di caffe' e dolci, al padiglione Belgio offrono biscottini e cioccolatini, alla Cascina Triulza, oltre a poter assistere al processo di lavorazione del Grana Padano, potrete degustare formaggio, pane nero e biscotti artigianali.




E con questo post, vi auguro delle felici vacanze. Ci rileggiamo a settembre, non abbandonatemi.

lunedì 10 agosto 2015

SPAGHETTI CON ZUCCHINE E FUNGHI PORCINI IN CREMA DI ZAFFERANO E GRANELLA DI NOCI





Forse non tutti sanno che i funghi porcini sono ricchi di sali minerali e vitamina B. Sono poco proteici e calorici, quindi indicati anche per chi segue un regime alimentare dietetico. Altamente depurativi e ricchi di fibre. Con pochi grassi e zuccheri. Hanno una polpa soda e bianca, molto carnosa e gustosa. In questa ricetta e in altre ricette che vi presentero' dopo le mie vacanze estive, ebbene si, anche io andro' un po' in vacanza, avro' come alleati in cucina Bruschi Funghi Borgotaro.
Per questa ricetta ho utilizzato i Funghi Porcini Secchi, della Linea Gold, non posso descrivervi il profumo che si e' sprigionato non appena ho aperto il sacchetto...

SPAGHETTI CON ZUCCHINE E FUNGHI PORCINI IN CREMA DI ZAFFERANO E GRANELLA DI NOCI.
Ingredienti per 2 persone:
160 g spaghetti
1 zucchina
30 g Funghi Porcini Secchi Bruschi Funghi Borgotaro
4 noci
3/4 cucchiai di panna da cucina
1 bustina di zafferano
olio extravergine di oliva
sale e pepe q.b.




Preparazione: lavare, spuntare e tagliare a rondelle sottili la zucchina. Strizzare i Funghi Porcini Secchi, precedentemente lasciati in ammollo per un' oretta circa. Tagliarli a pezzetti piccoli e tritare le noci sgusciate. In una padella scaldare un filo di olio, aggiungere le zucchine e farle cuocere per 5 minuti circa. Spegnere e tenere in caldo. In una padella a parte, rosolare i funghi con la panna in cui diluirete lo zafferano e le noci. Mescolate bene e cuocete 5 minuti. Salare e pepare a piacere. Nel frattempo cuocere gli spaghetti in abbondante acqua bollente salata, scolare e trasferire nella padella con la crema di zafferano e funghi. Fare saltare qualche minuto per amalgamare bene il condimento, aggiungere se occorre qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta e le zucchine. Impiattare e servire.





Un ottimo risultato grazie ai Funghi Porcini Secchi di Bruschi Borgotaro, che utilizzano solo i migliori prodotti controllati nella fase di essicazione per mantenere la fragranza ed il colore del fungo fresco. Un profumo davvero intenso, come se i funghi fossero stati appena raccolti. Alle prossime ricette. Un bel like anche alla loro pagina facebook.

domenica 9 agosto 2015

MELANZANE ALLA PARMIGIANA IN PADELLA.





Ultimamente sto provando diverse ricette "tormentone" del web... quelle ricette che ogni pseudo food blogger che si rispetti, deve provare. E cosi, anche io, sono caduta nella trappola delle melanzane alla parmigiana cotte in padella. Diciamocelo, a chi non piaccione le melanzane alla parmigiana? Ahime' il loro procedimento e' abbastanza lungo e laborioso, senza tenere conto che, con queste temperature, accendere il forno e' da eroine ed io non ne avevo proprio voglia e cosi... via con la versione semplificata in padella. Anche se devo riconoscere che ero abbastanza scettica... Ecco le dosi che ho utilizzato per una padella da 24 cm di diametro.

MELANZANE ALLA PARMIGIANA IN PADELLA
Ingredienti:
4 melanzane medie
300 g di mozzarella ( o per chi lo preferisce provolone )
400 g di passata di pomodoro
grana padano
sale e pepe q.b.
origano e basilico
olio extravergine di oliva
Preparazione: lavare e spuntare le melanzane, tagliarle a fette rotonde di mezzo centimetro e metterle in uno scolapasta con del sale, a spurgare il liquido amarognolo per un' oretta. Quindi sciacquarle e asciugarle bene. Scaldare una piastra su cui avrete cosparso del sale fino e mettere a grigliare le melanzane per tre minuti per parte. Preparare nel frattempo la salsa di pomodoro, aggiungendo alla passata il sale, il pepe, l' origano a piacere ed un filo di olio. Tagliare a piccoli cubetti la mozzarella e fatela sgocciolare bene. Prendere una padella antiaderente, versare uno strato abbondante di salsa di pomodoro, uno strato di melanzane, qualche cucchiaio di salsa, un po' di mozzarella e una spolverata abbondante di grana. Andate cosi a comporre gli altri strati, fino ad esaurimento degli ingredienti ( a me sono usciti 4 strati ). L' ultimo strato abbondate di mozzarella e grana. Un filo di olio e mettere sul fuoco con coperchio a fuoco medio per circa una ventina di minuti. Gli ultimi 5 minuti, abbiate cura di togliere il coperchio per fare asciugare bene la salsa di pomodoro. Spegnete la fiamma e lasciate passare un po' di tempo prima di servire, affinche' si compatti bene. Guarnire con delle foglioline di basilico qua e la.





Vi posso assicurare che il risultato e' eccezionale, credo che non abbandonero' piu' questa versione, molto piu' veloce della tradizionale, ed anche un pochino piu' light grazie alle melanzane grigliate anziche' fritte. Volendo si puo' anche arricchire con delle fettine di prosciutto cotto. Buon appetito!

sabato 8 agosto 2015

RISOTTO ESTIVO CON MELONE E CUBETTI CROCCANTI DI PANCETTA





L' idea di questo risotto, nasce dalla mia curiosita' in cucina. Mi piace scoprire sempre nuovi sapori e siccome avevo un bel melone dolce in frigorifero e la mia amica/collega I viaggi di Ciopilla, aveva appena ideato una stuzzicante pasta fredda con melone, mi sono detta, perche' no? Proviamo anche noi il melone in maniera diversa dal classico prosciutto/melone.  Ecco a voi la ricettina.

RISOTTO ESTIVO CON MELONE E CUBETTI CROCCANTI DI PANCETTA
Ingredienti per 2 persone:
125 g riso arborio
mezzo melone
80 g cubetti di pancetta
mezzo bicchiere di vino bianco
1 mozzarella
brodo vegetale q.b.
50 g burro
1 cucchiaino di olio extravergine di oliva
sale e pepe q.b.
Preparazine: pulire bene il melone da semi e filamenti. Tagliare a piccoli cubetti.  Mettere il melone in una pentola con qualche cucchiaio di acqua e farlo cuocere a fiamma dolce, fino ad ottenere una crema. Salare e pepare. Nel frattempo, in un' altra pentola, mettere il burro e fare tostare il riso. Sfumare con il vino, unire la crema di melone e portare a cottura, bagnando all' occorrenza con il brodo vegetale preparato in precedenza. Tostare in una padellina antiaderente la pancetta, affinche' diventi bella croccante. Tritare fine la mozzarella, ben sgocciolata. Una volta cotto, spegnere il riso, mantecare con la mozzarella e l' olio, affinche' diventi bello filante. Impiattare e mettere al centro la pancetta croccante.




Un risotto che e' stato una vera sorpresa e molto gradito in famiglia.Provatelo, non ve ne pentirete.

giovedì 6 agosto 2015

PROPRIETA' ED USI DELL' OLIO ESSENZIALE PURO DI MANDARINO





E' con piacere che il mio blog torna ad occuparsi di Naissance, azienda a conduzione famigliare con sede in Galles, che offre prodotti naturali al 100% per la nostra bellezza e salute, nel loro shop potremo infatti trovare oli essenziali, oli vettori, aromaterapia, bagnoschiuma, oli da massaggio, materie prime naturali e tanto altro ancora. Per le amanti del naturale e dello spignatto, questo shop e' una vera chicca.

Questa volta ho avuto l' occasione di provare l' olio essenziale puro al 100% di Mandarino. Come sappiamo, il mandarino e' un frutto originario dell' estremo oriente e dalla sua buccia fresca, tramite la spremitura a freddo, viene estratto l' olio essenziale. L' olio ha una profumazione delicata e rinfrescante, ha proprieta' depurative, antisettiche, aiuta a migliorare il sistema circolatorio e quindi si dimostra utile per combattere la cellulite. Agisce sulla sfera emotiva, quindi si dimostra particolarmente indicato per quei bambini e persone che manifestano stress emotivo, ansia, insonnia, in questo caso non dovrete fare altro che aggiungerne qualche goccia negli appositi diffusori per ambienti. Oppure, per un senso di relax immediato, bastera' mettere a bollire dell' acqua, toglierla dal fuoco, aggiungere 5 gocce, coprire il capo con un asciugamano e respirare il vapore benefico. Vi assicuro che queste inalazioni sono un vero toccasana per placare l' ansia! L' olio essenziale di mandarino e' un valido alleato contro le pelli grasse, impure o che presentano acne, potete aggiungere 25 gocce di olio essenziale alla vostra normale crema idratante, oppure procedere una volta a settimana, con una bella maschera purificante casalinga, cosi come faccio io. La lista degli ingredienti e' cortissima: 3 cucchiai di yogurt naturale, 1 cucchiaio di farina di avena, avendo cura di mescolare bene e 5 gocce di olio essenziale di mandarino, tenere in posa sul viso per circa 20 minuti e risciacquare bene con acqua tiepida. Vi ricordo pero' che, come tutti gli oli essenziali ricavati dagli agrumi, e' fototossico, quindi evitate di esporvi al sole per le successive 12 ore dall' utilizzo.





Altri utilizzi dell' olio essenziale di mandarino: potete aggiungere alcune gocce nelle vaschette dei caloriferi in inverno, oppure nei vostri fiori secchi e pot-pourri per rinnovarli. Aggiungerlo ai sali da bagno, per un bagno super rilassante. Ricordatevi che gli oli essenziali puri non vanno mai utilizzati direttamente sulla nostra pelle, perche' possono essere nocivi. Serve quindi un olio vettore in cui diluirli, ben si abbinano all' olio essenziale di mandarino, l' olio di mandorle dolci, di nocciolo di albicocco, di jojoba, di avocado e di vinaccioli, unendo 10 gocce di olio essenziale a 2/3 cucchiai di olio vettore ( od una normalissima crema corpo neutra, che non contenga parabeni e schifezze simili ) e massaggiando le zone interessate da cellulite, con dei movimenti decisi dall' alto verso il basso, si avranno effetti stimolanti sull' eliminazione dei liquidi.

Ringrazio ancora una volta Naissance per avere creduto in me e vi invito a visitare il loro sito e a seguirli sulla loro pagina facebook, per essere sempre aggiornati sulle promozioni attive e le nuove uscite.

lunedì 3 agosto 2015

Occhiali GLASSESSHOP gratis con la promo FIRST PAIR OF GLASSES FREE


 


Vi piacciono i miei nuovi occhiali GLASSESSHOP.COM? La mia esperienza di acquisto su GLASSESSHOP.COM e' assolutamente positiva, troverete una vasta scelta di occhiali a basso costo, per donne e uomini, da vista o da sole. Modelli accurati che seguono le tendenze del momento, che vi permetteranno di scegliere il modello a voi piu' adatto. 


Il sito e' di facile consultazione, i modelli proposti davvero numerosi, occhiali vintage, occhiali da lettura, di ogni forma e colore, il design rigorosamente Made in Italy che ne garantisce l' accuratezza e la ricercatezza delle forme. I miei occhiali da sole GlassesShop.com sono bellissimi, mi rappresentano in pieno, sono in acetato polarizzato, color marrone, dalla forma avvolgente, con stanghette sottili, piccoli dettagli ricercati come il tocco di luce dato dai brillantini laterali sulle stanghette.






Appena li ho visti li ho amati a prima vista. Per me gli occhiali da sole sono un accessorio irrinunciabile e questi di GLASSESSHOP.COM sono di buonissima qualita', confortevoli, non mi danno nessun problema alla vista come succede con gli occhiali di scarsa qualita'. E voi siete gia' andati a scegliere il vostro occhiale preferito? Attualmente e' attiva una promozione davvero interessante per i nuovi clienti che si registreranno: potranno scegliere e ricevere un paio di occhiali da vista, o da sole, ma anche occhiali da sole con lenti graduate, senza pagare nulla, ad esclusione delle spese postali e delle tasse... si, avete letto bene, il primo paio di occhiali su GLASSESSHOP.COM e' assolutamente gratuito, non dovrete fare altro che cliccare qua.





E per i miei affezionati lettori o per chi avesse gia' usufruito della promozione del primo paio di occhiali gratis, vi offro un codice coupon spendibile su GLASSESSHOP.COM, pari al 50% di sconto su occhiali da sole e da vista, ad esclusione dei modelli in saldo: GSHOT50
Vi ho convinti a provare il servizio offerto da GLASSESSHOP.COM? Le spedizioni sono sicure e abbastanza veloci, il pacchetto arriva ben imballato ed i vostri occhiali sono al sicuro in una custodia rigida, color bianco trasparente, semplice e discreta, comprensiva di pezzuolina per la pulizia. 










sabato 1 agosto 2015

GNOCCHI DI ZUCCHINE E FARINA DI MAIS





In questo periodo ho la dispensa invasa dalle zucchine, mi piacciono tanto, e' vero, ma mi piace anche provare qualche ricettina nuova e cosi mi sono cimentata in un piatto di gnocchi vegetariani, davvero gustosi e sorprendenti, che ho accompagnato ad un semplice sugo al pomodoro con basilico.
Seguitemi nella ricetta.

GNOCCHI DI ZUCCHINE E FARINA DI MAIS
Ingredienti per 4 persone:
5 zucchine medie
60 g di farina 00 o quanto serve
40 g di farina di mais
1 spicchio di aglio se gradito
2 tuorli
olio extravergine di oliva
1 cucchiaio di burro imbrunito e raffreddato
sale q.b.
Preparazione: lavare e spuntare le zucchine. Metterle in una pentola coperte di acqua fredda e portare a bollore. Dal bollore fare cuocere alcuni minuti, non devono risultare cotte del tutto. Scolare le zucchine e passarle sotto l' acqua corrente per farle raffreddare e mantenerne il colore vivo. Tagliare a fettine sottili le zucchine lesse, mettere in una padella un filo di olio e l' aglio tritato e quando l' aglio si sara' imbiondito, aggiungere le zucchine e lasciare insaporire qualche minuto. In un mixer mettere le zucchine e ridurle a purea. Sistemare in una larga terrina la farina 00, la farina di mais, aggiungere la purea di zucchine ben strizzata, i tuorli d' uovo, il burro e una presa di sale. Ricordatevi che non c' e' una dose precisa di farina, se le zucchine conterranno parecchia acqua di vegetazione, sara' richiesta una maggiore dose di farina, alla fine deve risultare un composto compatto, ma non troppo duro. Infarinare un piano di lavoro, togliere un pezzetto di composto, formare un cordoncino e tagliare gli gnocchi della grandezza desiderata ( grandi o piccoli ). Metterli ad asciugare su un vassoio ben infarinato. Tuffarli in acqua bollente salata, man mano che riaffiorano in superficie dovrebbero essere pronti ( ma per sicurezza assaggiate ), prelevateli con una schiumarola e conditeli con il sugo di pomodoro e basilico preparato in precedenza.





Gli gnocchi possono essere conditi anche con burro fuso e scagliette di parmigiano, per un gusto ancora piu' delicato. Buon appetito!